Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Laboratorio di Terapia del dolore, farmaci d’abuso e neuroimmunologia  

Lab. Panerai

 

Linee di ricerca

  1. Fisiopatologia del dolore, aspetti clinici e ricerca di base
  2. Cellule staminali e microvescicole nel  dolore
  3. Interazioni tra farmaci psicoattivi, sostanze d’abuso e sistema immunitario:  ricerca di base e clinica 


1) Studio dei meccanismi alla base dell’insorgenza, mantenimento e risoluzione del dolore infiammatorio cronico e del dolore neuropatico. Recentemente noi ed altri abbiamo dimostrato che alla base ella cronicizzazione del dolore esiste una interazione patologica tra neuroni, cellule immunitarie, glia  e microglia nel sistema nervoso centrale e periferico. La nostra ricerca verte proprio sull’identificazioni dei meccanismi cellulari e molecolari e sui determinanti principali che sottendono ai processi di neuro infiammazione nel sistema nervoso, con focus sull’ equilibrio delle citochine pro ed antinfiammatorie. La conoscenza di questa relazione può indicare innovativi bersagli terapeutici per trattare il dolore neuropatico, che è poco responsivo ai farmaci analgesici più noti.

2) La somministrazione di cellule staminali, per le loro proprietà intrinseche, rappresenta un importante strumento per modulare l’attività di cellule residenti e quindi anche la neurotrasmissione del dolore. Queste cellule, si comportano infatti sia come diretti trasportatori di fattori trofici, immunomodulatori e omeostatici, sia come fonte di microvescicole che sono state dimostrate in-vivo e in-vitro vicariare gli effetti delle staminali stesse. La somministrazione di microvescicole derivate da cellule staminali di diversa origine rappresenta dunque uno strumento terapeutico molto avanzato perché con i fattori che contengono o la loro attivazione farmacologica, possono essere utilizzate al posto delle cellule staminali, evitando i rischi della terapia cellulare. Lo studio delle cellule staminali e delle microvescicole nella terapia del dolore, apre anche al loro impiego terapeutico in campi che non siano strettamente legati a alla rigenerazione tissutale.

3) La marijuana e gli oppiacei sono sostanze d’abuso molto utilizzate, che inducono una larga serie di effetti. Queste sostanze hanno bersagli cellulari diversi, modificano la funzionalità di organi e sistemi diversi, e i meccanismi d’azione alla base dei loro effetti differiscono. Un aspetto comune è però il fatto che tutte hanno tra i loro bersagli il sistema immunitario Il nostro laboratorio si occupa di caratterizzare queste interazioni, studiandole in modelli sperimentali sia in  vitro sia in vivo nell’animale da esperimento e nell’uomo,  cercando di identificarne il reale significato clinico e l’impatto sulla salute.

Inoltre gli oppiacei, e più recentemente anche I derivati della cannabis, sono utilizzati a scopo terapeutico. Risulta quindi di grande importanza la valutazione dei potenziali effetti immunomodulatori di dosi terapeutiche di questi farmaci, per migliorarne l’utilizzo clinico.

 

Tecniche 

Valutazione del comportamento: nocicezione (piastra calda e tail flic); iperalgesia termica ( plantar test) e meccanica (randal selitto,Aestesiometro von Frey)

Modelli sperimentali di dolore infiammatorio e neuropatico

Immunologia cellulare ( proliferazione linfocitaria, chemiotassi, produzione di citochine, produzione anticorpale)

RT-PCR semiquantitativa

Western blotting

ELISA

Citofluorimetria

 

Selezione pubblicazioni

1. SACERDOTE P, FRANCHI S, MORETTI S, CASTELLI M, PROCACCI P, MAGNAGHI V, PANERAI AE. Cytokine Modulation is Necessary for Efficacious Treatment of Experimental Neuropathic Pain. J NEUROIMMUNE PHARMACOL. 2013 ;8:202-11.

2. SACERDOTE P, NIADA S, FRANCHI S, ARRIGONI E, ROSSI A, YENAGI V, DE GIROLAMO L, PANERAI AE, BRINI AT. Systemic administration of human Adipose-derived Stem Cells (hASCs) reverts nociceptive hypersensitivity in an experimental model of neuropathy.STEM CELLS DEV. 2012 NOV 29.

3. FRANCHI S, VALSECCHI AE, BORSANI E, PROCACCI P, FERRARI D, ZAFFA C, SARTORI P, RODELLA LF, VESCOVI A, MAIONE S, ROSSI F, COLLEONI M, SACERDOTE P, PANERAI AE. Intravenous Neural Stem Cells abolish nociceptive hypersensitivity and trigger nerve regeneration in experimental neuropathy. PAIN 153:850-861 2012

4. FRANCHI S, MORETTI S, CASTELLI M, LATTUADA D, SCAVULLO C, PANERAI AE. SACERDOTE P. Mu opioid receptor activation modulates Toll like receptor 4 in murine macrophage BRAIN BEHAVIOR IMMUNITY, 26:480-488, 2012

5. LATTANZI R, SACERDOTE P, FRANCHI S, CANESTRELLI M, MIELE R, BARRA D, VISENTIN S, DENUCCIO C, PORRECA F, DE FELICE M, GUIDA F, LUONGO L, DE NOVELLIS V, MAIONE S AND NEGRI L. Pharmacological activity of a BV8 analog modified in position 24 BR J PHARMACOL. 2011

6. VALSECCHI AE, 6. FRANCHI S, PANERAI AE, ROSSI A, SACERDOTE P, COLLEONI M. The soy isoflavone genistein reverses oxidative and inflammatory state, neuropathic pain, neurotrophic and vasculature deficits in diabetes mouse model EUR. J. PHARMACOL, - 650: 694-702. 2011

7. SACERDOTE P, COLLEONI M. Murine model of human neuropathic pain: molecular basis of disease BIOCHEMICAL BIOPHYSICAL ACTA 1802 :924-933 2010 

8. FRANCHI S, SACERDOTE P, MORETTI S, GERRA G, LECCESE V, TALLONE MV, PANERAI A, SOMAINI L. The effects of alcholism pharmacotherapy on immune responses in alchol dependent patients. INTERNATIONAL JOURNAL OF          IMMUNOPATHOLOGY AND PHARMACOLOGY 23:847-855, 2010

9. GIANNINI E, LATTANZI R, NICOTRA A, CAMPESE AF, GRAZIOLI P, SCREPANTI I, BALBONI G,SALVADORI S, SACERDOTE P, NEGRI L. The chemokine Bv8/prokineticin 2 is up- regulated in inflammatory granulocytes and modulates inflammatory pain. Proc Natl Acad Sci U S A. 2009 106:14646-51

10. VALSECCHI AE, FRANCHI S, PANERAI AE, SACERDOTE P, TROVATO AE, COLLEONI M. Genistein, a natural phytoestrogen from soy, relieves neuropathic pain following chronic constriction sciatic nerve injury in mice: anti-inflammatory and antioxidant activity. JOURNAL NEUROCHEMISTRY. 107:  230-240  2008

Torna ad inizio pagina